correzione delle rughe con acido ialuronico

Correzione delle rughe con Acido IaluronicoPDFStampaE-mail
 

Le modificazioni cutanee associate all’invecchiamento, come la perdita di elasticità e di turgore,

hanno un impatto psicosociale negativo.

Rughe nasolabiali

L’invecchiamento determina l’accentuazione delle rughe nasolabiali che appaiono quasi verticali a causa della perdita del grasso sottocutaneo ed il  riassorbimento dell’osso mascellare.

La massa ossea è al culmine tra i 15 e i 25 anni e diminuisce del 25% a sessant’anni.

I muscoli facciali si allungano, i loro moventi sono meno ampi, mentre a riposo le fibre muscolari sono contratte.

Labbra e zona periorale

Durante il processo di invecchiamento si osserva assottigliamento delle labbra a causa di riduzione del volume muscolare. Il muscolo orbicularis oris si contrae e determina la comparsa del “codice a barre”.

 

Zona perioculare

La contrattura della parte palpebrale del muscolo orbicularis oculi determina la comparsa delle rughe perioculari .

 

Per correggere i segni dell’aging cutaneo del volto ( lassità, perdita di elasticità) si utilizzano i filler a base di Acido Ialuronico.

I filler cominciano ad apparire alla fine degli anni ’60 sotto forma di olio di silicone

per giungere a oggi con materiali sempre avanzati e sicuri.

L’acido ialuronico come filler per il trattamento dell’invecchiamento cutaneo è comparso sul mercato nel 1992.

Il primo prodotto si chiamava Hylaform ( Genzyme Biosurgery, Cambridge, USA). Nel 1994 è stati introdotto Restylane (Q-Med), primo acido ialuronico di origine non animale, che rapidamente si è diffuso in tutto il mondo.

Da allora il numero dei prodotti a base di acido ialuronico è in costante aumento.

Il  successo di questa sostanza è legato alla facilità d’impianto, alla sicurezza e all’immediatezza del risultato estetico.

 

Ac.ial 

” Angelo di bellezza,

cosa sai delle rughe,

della paura di invecchiare,

del tormento segreto

di leggere oscena compassione

in occhi dove a lungo, avidi,

i nostri occhi hanno bevuto”

Angelo di bellezza,

cosa sai delle rughe?”

Baudelaire ( I Fiori del male)

 

 

L’acido ialuronico è ampiamente diffuso nel corpo umano ed è principale elemento costituente della matrice

extra-cellulare. Il suo coefficiente viscoelastico e la sua natura idrofila lo rendono capace di mantenere

la tonicità e l’elasticità dei tessuti con i quali viene in contatto.

Con il passare degli anni la concentrazione di acido ialuronico nei tessuti del corpo tende a diminuire.

Le sue funzioni igroscopiche e di stimolazione della produzione di collagene

lo rendono una delle sostanze più usate come filler.

L’acido ialuronico è rapidamente bio-riassorbibile e facilmente degradato a causa dell’azione della ialuronidasi.

Per aumentare la durata del filler e la sua resistenza ai processi di degradazione, sono state apportate modifiche

strutturali alla molecola ( legami crociati  che danno origine alla formazione di ponti stabili).

Questo permette alla particella di formare una specie di reticolo tridimensionale molto stabile

e di rallentare sensibilmente l’azione di degradazione da parte della ialuronidasi e dei radicali liberi.

L’acido ialuronico determina subito un aumento di volume nel sito di iniezione,

per questo viene utilizzato non solo per riempire le rughe e le labbra ma anche per ripristinare i volumi del volto.

L’efficacia del trattamento dipende non solo dal tipo di prodotto utilizzato e modo di somministrazione

ma anche dalle caratteristiche del paziente, come tipo di pelle e localizzazione del difetto da correggere.

 

Per le prenotazioni:

STUDIO MEDICO

Via Costanza 17

Milano

Tel.  +39 3389220573

 

http://www.citymedicalmilano.it

 

I commenti sono chiusi